logo Gruppo ICBPI


Sei in: Privati > FAQ

Domande frequenti - Disponibilità e limite di utilizzo

Che differenza c’è fra limite di utilizzo e disponibilità?

Ogni Carta ha un suo limite di utilizzo (plafond/fido), stabilito dalla Banca al momento dell’emissione, ma modificabile – su richiesta – a seconda delle tue esigenze.

La disponibilità di spesa corrisponde alla differenza fra il limite di utilizzo e gli importi già spesi, o solo autorizzati. In caso di carte rateali, la disponibilità si calcola detraendo dal limite di utilizzo il saldo scoperto (cioè l’importo ancora da pagare).

Che cos'è un'autorizzazione?

L’autorizzazione è un processo di verifica della validità della Carta e della sua disponibilità di spesa.

Ogni volta che scegli di pagare con Carta di credito, l'Esercente deve richiedere un'autorizzazione al pagamento, cioè verificare con la Società emittente che la tua Carta sia valida e abbia disponibilità di spesa. Le autorizzazioni possono essere richieste:

  • in modo automatico, attraverso la lettura della banda magnetica o del microchip (per le operazioni concluse attraverso apparecchiature P.O.S., sportelli automatici per il prelievo di contante, apparecchiature self-service)
  • telefonicamente e on-line, per le operazioni avvenute con la compilazione manuale della ricevuta del pagamento

Come influiscono i miei acquisti sulla disponibilità di spesa della Carta?

La disponibilità della Carta si riduce a fronte di ogni autorizzazione richiesta e concessa, e a fronte della registrazione di ogni pagamento. Se la richiesta di autorizzazione e la registrazione su estratto conto del pagamento non avvengono nello stesso mese (per esempio, perché l’Esercente incassa il pagamento con qualche giorno di ritardo), la disponibilità della Carta potrebbe essere impegnata, per quella somma, sia nel mese in cui fai l’acquisto (quando viene concessa l’autorizzazione), sia nel mese seguente (quando viene registrato il movimento sul tuo estratto conto). A fronte di ciò, l’addebito sarà comunque unico.

Quando si ripristina la disponibilità di spesa della Carta?

La disponibilitÓ si ripristina il 1° giorno di ogni mese per le Carte con addebito a fine mese e qualche giorno dopo per le carte rateali.

Sono i primi giorni del mese e non riesco a visualizzare i miei movimenti. Perché?

Le procedure necessarie all’allineamento degli archivi possono far slittare di qualche giorno il caricamento dei movimenti (sia quelli dell’estratto conto appena chiuso, sia quelli del mese corrente).

I movimenti sono comunque visualizzabili entro la prima settimana di ogni mese.

Se quando faccio una spesa l’Esercente mi dice che l'autorizzazione al pagamento Ŕ stata negata, cosa posso fare?

Chiama subito il Servizio Clienti dal lunedì al venerdì dalle 08.00 alle 20.00: i nostri operatori sapranno consigliarti per il meglio. Per evitare che questo capiti, comunque, puoi anche richiedere alla tua Banca un adeguamento del limite di utilizzo della Carta alle tue esigenze di spesa.

Come faccio ad aumentare il limite di utilizzo della mia CartaSi?

Se non ritieni sufficiente il limite di utilizzo che ti è stato assegnato, puoi rivolgerti alla tua Filiale: se la Banca approva questa variazione, la comunica direttamente a CartaSi e l’aumento verrà reso operativo in pochi giorni.

Posso aumentare temporaneamente il limite di utilizzo della mia CartaSi?

Sì, puoi richiedere alla tua Banca, un "aumento temporaneo" del limite di utilizzo sulla tua Carta, per esempio se sei in partenza o devi affrontare una spesa improvvisa. Il servizio non ti costa nulla e può durare fino ad un massimo di 12 mesi.

Ho notato una differenza fra la disponibilità residua della mia Carta e gli importi che ho speso. Perché?

Ecco alcune possibili motivazioni:

CASO 1): hai fatto una spesa all’estero, o presso un Esercente non convenzionato con CartaSi

In questi casi, di norma, il movimento viene contabilizzato qualche giorno dopo la richiesta dell’autorizzazione, che invece viene immediatamente registrata e scalata dalla disponibilità della tua Carta. Se si tratta di una spesa all’estero, tieni presente che la differenza potrebbe essere dovuta alla conversione dalla valuta straniera all’Euro, che prevede una maggiorazione massima del 2%, parzialmente retrocessa ai Circuiti Internazionali Visa e MasterCard. Come riconoscere, invece, gli esercenti italiani non convenzionati con CartaSi? Controlla lo scontrino: in alto, riporta il nome della Società che gestisce la transazione. Se non c’è scritto CartaSi, l’Esercente è convenzionato con un’altra società.

CASO 2): è stata richiesta un’autorizzazione di verifica

Alcuni Esercenti (in particolare nel settore delle vendite per corrispondenza, ma anche quelli a cui richiedi la domiciliazione su Carta degli addebiti periodici – bollette, canoni mensili etc.) possono richiedere autorizzazioni per importi minimi (es. 1 euro), per avere una conferma dell’effettiva validità della tua Carta di credito. Questi importi non si trasformeranno mai in addebiti, ma impegneranno per qualche giorno la disponibilità della tua Carta.

CASO 3): è stata richiesta un’autorizzazione a garanzia di una prenotazione

Quando - specialmente all’estero - dai il tuo numero di Carta a garanzia di una prenotazione (ad esempio per alberghi, autonoleggi, o per l’acquisto di biglietti aerei) è possibile che venga richiesta un’autorizzazione per un certo importo. In questo modo l’Esercente si accerta che la tua Carta sia valida e che abbia disponibilità sufficiente al pagamento.

Normalmente, entro pochi giorni perviene la richiesta di addebito, cui l’autorizzazione si abbina annullandosi automaticamente. La disponibilità resta impegnata per 10/15 giorni dalla richiesta e si ripristina all'inizio del mese successivo. Se questo non succede, è perché si è verificata qualche anomalia. In questo caso, contatta il Servizio Clienti.


Seguici su:

Facebook Twitter LinkedIn

Scopri le Carte di Credito CartaSi

SCOPRI DI PIU'